minerva homepage  
home |  search |  map |  contact us

Path: Home | Publications | Manuale | Indice | “Museo & Web”: kit di progettazione di un sito di qualità per un museo medio-piccolo

 
 

Manuale per la qualità dei siti Web pubblici culturali

   
 
  About MINERVA and MINERVA Plus  
  Structure  
   
  NPP  
  Good practices  
  Competence centres  
  Digitisation guidelines  
  European and national rules on Web Applications  
  Enlargement  
  Events  
  References  
  Publications
 
 
 


“Museo & Web”: kit di progettazione di un sito di qualità per un museo medio-piccolo
Sara Di Giorgio, Maria Teresa Natale, Andrea Tempera


L’idea di fornire uno strumento direttamente consultabile in rete e contenente le principali indicazioni utili per sviluppare e gestire un sito web di qualità, in questo caso di un museo, nasce dall’esperienza di chi lavora in rete e si misura quotidianamente con i problemi legati all’accessibilità e alla qualità dei contenuti culturali.
La progettazione1 di “Museo & Web” ha costituito l’occasione per trasporre molte delle esperienze maturate nell’ambito del Progetto MINERVA: in particolare, si sono seguite le linee guida contenute nella prima edizione del Manuale per la qualità dei siti web culturali pubblici e sono stati applicati i dieci Principi europei per la qualità di un sito web culturale. Particolarmente utile nella costruzione del sito è risultata l’esperienza acquisita nei tre anni di sviluppo del sito del Progetto MINERVA2. Circa l’accessibilità, si è tenuto conto, a seguito di quanto prescritto dalla legge n. 4 del 9 gennaio 2004 Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (c.d. Legge Stanca)3, dei ventidue requisiti per l’accessibilità, così come definiti nel Decreto Ministeriale che stabilisce le linee guida recanti i requisiti tecnici e i diversi livelli per l’accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell’accessibilità dei siti Internet, nonché i programmi di valutazione assistita utilizzabili a tale fine, firmato dal Ministro per l’innovazione e le tecnologie l’11 luglio 20054, dopo che il 6 luglio la Commissione Europea, ai sensi della direttiva 98/34/CE, aveva dato il via libera all’adozione del provvedimento.
Infine, si è cercato di sfruttare anche alcune esperienze maturate dall’analisi di alcuni casi di studio che hanno partecipato alla sperimentazione del Manuale della qualità.
La scelta di realizzare un prototipo destinato a un museo medio-piccolo, si basa sulla constatazione che in Italia e in genere in Europa, i musei locali e territoriali sono molto diffusi, ma spesso sono privi di siti Internet propri. Infatti, trattandosi di piccole istituzioni, in genere sono carenti di risorse economiche e umane.
Si è voluto perciò offrire uno strumento che possa essere utilizzato dai musei sia come guida nella progettazione dell’architettura del sito web, sia nella realizzazione pratica, sfruttando i modelli messi a disposizione online, che potranno essere personalizzati con adeguati interventi di carattere grafico.
Nato in seno al Gruppo italiano di MINERVA “Identificazione degli utenti e dei criteri di qualità per un accesso comune5, la prima versione di “Museo & Web” è stata realizzata in lingua italiana, ma ne è stata subito implementata la versione inglese, per essere messa a disposizione della rete dei partner afferenti al progetto MINERVA Plus, che tra le linee di azione include l’analisi dei servizi per le piccole istituzioni.
Si prevede inoltre di sviluppare il prototipo, adattandolo anche ad altre categorie di soggetti culturali pubblici, come biblioteche, archivi, patrimonio diffuso, uffici di tutela. In particolare, è gia stato avviato uno studio per un prototipo di sito per le Direzioni regionali del Ministero per i beni e le attività culturali, in collaborazione con le Direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia-Romagna, del Lazio e del Friuli-Venezia Giulia.
Il 16 dicembre 2004 “Museo & Web” è stato presentato ufficialmente presso l’ex Chiesa di Santa Marta a Roma. In quell’occasione, è stato firmato un  Protocollo d’intesa tra il Dipartimento per la ricerca, l’innovazione e l’organizzazione della Direzione generale per l’innovazione tecnologica e la promozione del MiBAC e il Dipartimento per  Tecnologie per l’Informazione e la Comunicazione (ICT) per l’Istruzione e la Cultura del MIUR. In virtù di tale protocollo – che prevede la diffusione e l’adozione dei prodotti di MINERVA presso le scuole – è stato avviata la realizzazione di un prototipo di sito web per le scuole italiane. Al lavoro hanno preso parte l’Ufficio scolastico regionale per il Lazio con dirigenti scolastici, insegnanti e tecnici, oltre che rappresentanti delle associazioni dei genitori e degli studenti. Stanno inoltre collaborando con preziosi consigli l’Osservatorio tecnologico del MIUR (OTE) e Porte Aperte sul Web. “Museo & Web” è stato anche utilizzato come modello nell’ambito di un intervento formativo per i dipendenti delle direzioni scolastiche regionali e dei centri servizi amministrativi (CSA) del Miur.
Il Dipartimento per le Tecnologie per l’Informazione e la Comunicazione del MiBAC ha fatto proprio “Museo & Web”, includendolo nel Piano di Comunicazione coordinata dei siti web (infra, appendice 4); inoltre il prototipo, declinato anche per altre categorie di soggetti culturali, fa parte del progetto di costituzione dell’Osservatorio tecnologico per i beni e le attività culturali (OTEBAC), inaugurato a novembre 2005 <http://www.otebac.it>.
“Museo & Web” è stato e sarà oggetto di diverse presentazioni nel corso del 2005 su tutto il territorio italiano e inoltre verrà testato nell’ambito di corsi di laurea specialistici, tra cui il Dipartimento di Informatica sistemistica e Comunicazione dell’Università degli studi di Milano-Bicocca e il Dipartimento di informatica dell’Università di Roma “La Sapienza”.
Alcune istituzioni, tra cui l’Archivio di documentazione archeologica della Soprintendenza archeologica di Roma, (tav. 1a), il Museo archeologico di Palazzo Altemps (fig. 2) e l’ICRROM (fig. 3) hanno già applicato più o meno liberamente il prototipo ai propri siti.
Nell’ambito dell'insegnamento “Laboratorio di strumentazione elettronica ed informatica” del Corso di laurea in scienze applicate ai beni culturali presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” è in corso di realizzazione il sito web del Museo delle antichità etrusche e italiche secondo i criteri di “Museo & Web” nel rispetto dei requisiti dell’accessibilità (fig. 4). Partendo da questo prototipo, è in corso di realizzazione un CMS per la produzione automatica di siti web museali delle università nell’ambito di attività di tirocinio. Parallelamente è in corso la realizzazione di un unico punto di accesso a tutti i musei universitari presenti sulla rete Internet dove sarà possibile rintracciare un repertorio di tali istituzioni e accedere ad altri strumenti utili nell’ambito di questa categoria museale <http://www.uniroma1.it/musei/univmusei/museiuniv.asp>.
Nei primi sei mesi dalla pubblicazione on line, “Museo & Web”, che nel frattempo è stato tradotto anche in inglese, è stato visitato da circa 2500 utenti.
Il prototipo è stato progettato in XHTML 1.0 strict con l’uso di fogli di stile CSS.
La sua struttura, nel rispetto delle regole dell’accessibilità, permette una navigazione dei contenuti indipendentemente dalla tecnologia usata dall’utente in rete. È navigabile attraverso le tecnologie assistive ed è possibile l’ingrandimento dei caratteri.
La grafica, impostata sull’uso delle tonalità del colore grigio, è volutamente semplice e “neutra”: gli utenti potranno adattarla alle specifiche esigenze grafiche del progetto del museo on line.
I testi, esplicativi delle funzioni presenti nel prototipo, hanno carattere didattico e sono mirati a guidare l’utente, che intende adottarlo, nella sua applicazione pratica.
‘Museo & Web’ si articola in quattro parti:

  • “struttura e contenuti del prototipo”: contiene le indicazioni per l’organizzazione dei contenuti e dei servizi, corredate da numerosi esempi relativi a siti italiani e;
  • “tutorial”: si offrono suggerimenti per la costruzione delle pagine Web sulla base delle regole dell’accessibilità e dell’usabilità e si forniscono informazioni pratiche relative all’architettura, alla gestione, all’interoperabilità, ai problemi legati al copyright, al multilinguismo ecc.;
  • “verifica della qualità”: si forniscono strumenti pratici per la valutazione dell’applicazione al proprio sito web;
  • “modelli”: è possibile scaricare tre modelli relativi alla home page e a due pagine del sito oltre al foglio stile.

Alcuni contenuti del prototipo sono legati a problematiche specifiche emerse durante la sperimentazione del Manuale per la qualità dei siti web pubblici culturali.
In particolare, sono stati effettuuati approfondimenti su:
1) Oggetti in 3D e animazioni6: il sito web di un museo può offrire infatti oggetti rappresentati in 3D oppure animazioni in riferimento alle sue funzioni didattiche e formative. Bisogna tener presente il rischio di spettacolarizzazione dei contenuti che deve essere accuratamente evitato, nonché l’eventualità che l’utilizzo di tecnologie complesse non renda il sito accessibile. Una sezione del prototipo approfondisce proprio il tema dei vari livelli di accessibilità rispetto all’utilizzo della multimediale.
2) Inserimento di un database in un sito web7: nel prototipo vengono offerti suggerimenti per l’inserimento di un database già esistente in un sito web, in modo tale che il suo contenuto sia agevolmente accessibile/consultabile attraverso un qualsiasi browser, prescindendo dal formato del database, dal supporto fisico sul quale è memorizzato il database, dalla struttura interna del database, dal sistema operativo nel quale è stato realizzato.
3) Esperimento di accessibilità per portatori di handicap visivo8: nel prototipo è descritto un metodo messo a punto nel sito internet del Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri della Valcamonica che consente ai non vedenti di riconoscere l’oggetto di un’immagine attraverso un sistema che abbina a una breve descrizione, anche in Braille, un’immagine vettoriale della raffigurazione trasformata in formato pdf e, adeguatamente trattata per essere riprodotta dal non vedente e con il sistema di stampa a rilievo mediante fusore, rivolgendosi al centro dell’Unione Italiana Ciechi più vicino.
Il prossimo obiettivo che si sta perseguendo è l’adattamento di “Museo & Web” a un sistema integrato di Content Management (CMS) per la gestione e il controllo di documentazione informativa multi-formato ed eterogenea, da pubblicare in rete.
Con un CMS è possibile creare, modificare, controllare, tanto le singole pagine che intere sezioni logiche della propria documentazione web, stabilendo regole, ruoli e livelli di accesso secondo le proprie specifiche esigenze.
Il sistema consentirà, anche a personale non esperto, di partecipare attivamente al processo di creazione e pubblicazione dei contenuti, apportando in tempo reale il proprio contributo, secondo la propria qualifica e competenza.
Con il CMS si amplieranno le classiche funzionalità di editing di testi e immagini web: verranno, infatti, resi disponibili strumenti che consentiranno il mantenimento di strutture gerarchiche fra le pagine, link incrociati, menu, formattazione di testi, gestione di news e molte altre funzionalità aggiuntive, perfettamente integrabili con il sistema di base e realizzate secondo le esigenze specifiche.
Il CMS che sarà sviluppato si comporrà di tutte le funzionalità, di base e accessorie, atte a garantire rigore architetturale e semplicità d’uso alle fasi di implementazione e aggiornamento dei contenuti.
Il sistema sarà fornito pronto all’uso con licenza Open Source.

Museo & Web è disponibile sul sito di MINERVA all’indirizzo <http://www.minervaeurope.org/structure/workinggroups/userneeds/prototipo/index.html>, si raccolgono suggerimenti e proposte all’indirizzo minerva2@beniculturali.it.


1] “Museo & Web: Kit di progettazione di un sito di qualità per un museo medio-piccolo”, è un progetto sviluppato nell'ambito del Gruppo WP5 Italia “Identificazione dei bisogni degli utenti e dei criteri di qualità per un accesso comune” del Progetto MINERVA, in particolare da una Commissione composta dagli scriventi che hanno lavorato in collaborazione con Mario Di Domenicantonio (Ministero per l'Innovazione e le Tecnologie) e Oreste Signore (Ufficio italiano del W3C presso il CNR di Pisa) per l'approfondimento delle problematiche legate all'accessibilità; Roberto Sartini (Ministero per i Beni e le Attività Culturali) relativamente all'adattamento in rete delle banche dati; Paolo Romoli, (Progetto MINERVA) per lo sviluppo dei contenuti inerenti la realtà virtuale. Si ringraziano inoltre tutti gli altri membri del WP5 per i preziosi suggerimenti nel corso dell'elaborazione del prototipo, in particolare Fedora Filippi, che fin dall'inizio ha creduto nell'iniziativa.

2] <http://www.minervaeurope.org>

3] <http://www.innovazione.gov.it/ita/mit_informa/news/2003/cartellastampa/doc_leggestanca.shtml>

4] <http://www.pubbliaccesso.gov.it/notizie/2005/DMStanca.doc>

5] <http://www.minervaeurope.org/structure/workinggroups/userneeds.htm>

6] <http://www.minervaeurope.org/structure/workinggroups/userneeds/prototipo/progproto/accessibilita/multimedialita.html>

7] <http://www.minervaeurope.org/structure/workinggroups/userneeds/prototipo/protomuseo/patrimonio/database.htmll>

8] <http://www.minervaeurope.org/structure/workinggroups/userneeds/prototipo/protomuseo/patrimonio/handicapvisivo.html>



   
 
Copyright Minerva Project 2006-01, last revision 2006-01-30, edited by Minerva Editorial Board.
URL: www.minervaeurope.org/publications/qualitycriteria-i/indice0512/digiorgionataletemperamuseoweb.html