vai al contenuto
 

Manuale per l'interazione con gli utenti del Web culturale
Prima edizione (Aprile 2009)
a cura di Pierluigi Feliciati e Maria Teresa Natale
MINERVA EC Working Group “Quality, Accessibility and Usability”


APPENDICE 1     L’immaginario urbano in Second Life
                            Gino Roncaglia

                            Università degli studi della Tuscia

1           Premessa1

La creazione in rete di spazi virtuali condivisi unisce due componenti che hanno avuto – e continuano ad avere – un ruolo di estremo rilievo nell’evoluzione delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione: la modellazione tridimensionale di ambienti di realtà virtuale da un lato e lo sviluppo di sistemi di interazione comunicativa multiutente in tempo reale dall’altro.

In apparenza, la prima di tali componenti è legata più direttamente a questioni “tecniche” (uso della grafica tridimensionale, gestione dell’interazione con l’ambiente e calcolo dinamico delle sue caratteristiche in funzione degli spostamenti del punto di vista dell’utente ecc.), mentre la seconda è legata soprattutto all’ambito della comunicazione, dei suoi strumenti e delle sue strategie, e potrebbe dunque sembrare più immediatamente “culturale”.

Ma, a ben guardare, la situazione è più complessa, e l’interazione fra tecnologia e cultura assai più stretta di quanto non potrebbe sembrare. Per un verso, infatti, la creazione di ambienti virtuali tridimensionali non rappresenta semplicemente un problema tecnico ma, proprio come la gestione di ambienti e spazi reali presuppone e propone modelli di organizzazione sociale dello spazio, richiede la definizione di convenzioni e regole e la salvaguardia della creatività individuale, suggerisce insomma la necessità di una consapevole riflessione architettonica e spesso anche urbanistica. Per un altro verso, le caratteristiche proprie della componente comunicativa degli ambienti virtuali in rete sono a loro volta strettamente legate alle tecnologie utilizzate, e rappresentano uno sviluppo della comunicazione via chat (del resto già permeata di metafore spaziali, come la suddivisione in “stanze” diverse dell’interazione fra gli utenti), integrandovi sempre più spesso l’uso dell’audio o del video e l’apertura verso codici comunicativi anche non verbali. L’ambito del “possibile tecnologico” rappresenta per questa via la cornice – in perenne movimento – all’interno della quale viene via via operata la definizione e la scelta delle strategie e degli strumenti comunicativi considerati utili o desiderabili.

Vi è del resto un primo, evidente punto di incontro fra l’aspetto “tecnologico” della modellazione  tridimensionale e quello “sociale” dell’interazione comunicativa: la creazione dell’alter ego dell’utente in rete, del suo avatar2. La scelta dell’avatar rappresenta infatti una operazione sempre più rilevante e complessa, sia per il gran numero di caratteristiche fisiche ma anche culturali (vestiario, abitazione ecc.) che possono essere selezionate – a partire da età e sesso dell’avatar – sia per il ruolo centrale che queste caratteristiche hanno nell’interazione comunicativa e sociale all’interno dello spazio virtuale.

Si può dunque ritenere che, almeno a un primo livello, l’interazione all’interno di ambienti virtuali avvenga in un contesto definito da una sorta di “triangolo”  funzionale, ai cui vertici sono la modellazione tridimensionale dell’ambiente, la costruzione dell’avatar e gli strumenti e le modalità dell’interazione comunicativa (fig. 1).

Il “triangolo funzionale”
Fig. 1 - Il “triangolo funzionale”

presupposto da quasi tutti gli ambienti virtuali condivisi

Nelle pagine che seguono mi concentrerò soprattutto su uno dei vertici di questo triangolo – le caratteristiche “architettoniche” dell’ambiente virtuale – affrontandolo da un particolare punto di vista: la questione della definizione degli spazi urbani all’interno di quello che è al momento probabilmente il più noto fra gli ambienti virtuali in rete, Second Life. La trattazione che ne proporrò non ha alcuna pretesa di esaustività: il suo unico obiettivo è individuare alcune caratteristiche di particolare rilievo, proprio alla luce del carattere non solo tecnico ma intrinsecamente culturale e sociale che la definizione di tali spazi comporta.


2           Il mondo di Second Life: di cosa si tratta?

l mondo virtuale di Second Life (vedi 1.2.6)3 è formato da regioni interconnesse, denominate SIMS (abbreviazione di simulators), che formano l’equivalente di un complesso arcipelago (sono dunque presenti ambienti sia terrestri sia marini, ed è possibile volare e costruire anche nell’aria). Alcune di tali regioni si aggregano in macroregioni, e le regioni o macroregioni corrispondono spesso a “isole” dell’arcipelago. Ogni regione corrisponde a poco più di 65.500 metri quadri. Per raggiungere una qualunque località gli utenti possono camminare, volare, utilizzare veicoli più o meno veloci e complessi o teletrasportarsi fornendo al client le coordinate della propria destinazione.

Lo spazio virtuale definito dalle regioni è popolato da oggetti e da avatar. Gli avatar, come si è accennato, costituiscono gli alter ego virtuali degli utenti, e possono essere personalizzati in maniera assai sofisticata, nel loro aspetto fisico, nel loro abbigliamento, nelle loro azioni. La costruzione del proprio avatar è per l’utente un lavoro spesso lungo e complesso, fatto di aggiustamenti continui e progressivi, ed è strettamente collegata all’immagine di sé che l’utente vuole far percepire agli altri: si tratta dunque di un’attività che non è proiettata esclusivamente verso il soggetto, ma che ha al contrario una forte componente sociale e relazionale.

Gli oggetti sono costruiti a partire da solidi primitivi, o PRIM. Ogni regione ne può contenere circa quindicimila (117 per ogni 512 metri quadri). Esistono anche PRIM speciali, che corrispondono direttamente a oggetti di uso particolarmente frequente. Per il resto, tutti gli oggetti di Second Life sono costituiti per assemblaggio di PRINPRIM, in maniera non troppo dissimile da quel che avviene nel gioco del Lego. L’utente può poi rivestire gli oggetti creati utilizzando texture: trame grafiche bidimensionali che imiteranno di volta in volta la superficie del legno, del metallo, del marmo ecc., in modo da rendere le proprie creazioni ancor più realistiche e verosimili.

Sia gli oggetti sia gli stessi avatar sono dunque il risultato di un complesso lavoro di progettazione e costruzione a partire da primitivi: la realizzazione di edifici e spazi urbani diventa così solo un esempio particolare della natura intrinsecamente “architettonica” di Second Life. E in un mondo virtuale in cui tutto viene creato dagli utenti, la competenza nel costruire oggetti e progettare ambienti costituisce per molti versi il valore socialmente più prezioso: non stupirà dunque che l’economia di Second Life sia largamente basata proprio su vendita e acquisto di “costruzioni” e artefatti di ogni genere, realizzati manipolando con competenza i PRINPRIM attraverso un apposito linguaggio di scripting.

Second Life: progettazione di edifici per assemblaggio di PRINPRIM
Fig. 2 - Second Life: progettazione di edifici per assemblaggio di PRINPRIM

Il sistema di scambio si basa su una moneta virtuale, il Linden Dollar, il cui tasso di cambio con il dollaro statunitense fluttua sulla base di numerosi parametri, dipendenti in parte dalle scelte dell’azienda che gestisce il sistema, in parte da quelle della complessa e articolata comunità di utenti che lo popola4. In rete – sia all’interno di Second Life sia attraverso siti esterni come e-Bay – gli utenti interessati possono acquistare facilmente oggetti, edifici, veicoli, capi di abbigliamento, e addirittura avatar già personalizzati da utilizzare su Second Life: I prezzi sono certo assai più bassi di quelli richiesti per le controparti reali di tali beni (il tasso di cambio del Linden Dollar  ha oscillato negli ultimi anni fra i 200 e i 300 L$ per un dollaro statunitense), ma sono talvolta tutt’altro che simbolici.

Gli utenti di Second Life si dividono in due categorie: gli utenti Basic, che non pagano alcun canone ma non possono acquistare direttamente i terreni offerti dal sistema (possono però guadagnare Linden dollars, lavorando all’interno dell’ambiente simulato, o vendendo le proprie creazioni, o semplicemente cambiando denaro “reale”; in tal modo possono acquistare a loro volta oggetti di ogni genere, e volendo anche terreni di proprietà di altri utenti o comunità di utenti), e gli utenti Premium, che in cambio di un canone mensile o annuale hanno il diritto di acquistare direttamente terreni, e ricevono un bonus d’ingresso e uno stipendio settimanale di 400 L$.

I terreni vengono venduti e acquistati in lotti di 512 metri quadri (pari a 1/128 di regione) o in loro multipli; per ogni lotto di terra posseduta si paga una tassa mensile, che va dai 5 dollari nel caso di un lotto di 512 metri quadri a 195 dollari per un’intera regione. La tassa relativa al primo lotto di 512 mq è inclusa nell’abbonamento Premium, e la tassa relativa a lotti di terreno più grandi è proporzionalmente minore di quella relativa a lotti più piccoli, il che favorisce la nascita di un mercato di speculazioni immobiliari, in cui ”grandi proprietari terrieri” acquistano lotti più ampi per rivenderli o affittarli a tenutari, in cambio di tasse di proprietà più basse di quelle regolari ma più alte di quelle proporzionalmente pagate dal grande proprietario. Il sistema incoraggia inoltre la creazione di comunità organizzate di piccoli (o grandi) proprietari: gruppi di residenti possono infatti organizzarsi in comunità alle quali donare la propria terra, ottenendo in cambio un bonus in terreni pari a circa il 10%. Spesso, queste realtà territoriali si evolvono in vere e proprie strutture sociali, che si dotano di norme specifiche (compreso, a volte, un regime fiscale autonomo, che serve a finanziare l’acquisizione di nuovi terreni e la realizzazione di servizi specifici per i residenti).

La struttura sociale complessiva di Second Life è estremamente articolata: vi sono utenti assidui e utenti occasionali, comunità di ogni genere (che come si è accennato corrispondono spesso – ma non necessariamente – anche a organismi territoriali come isole, città e villaggi), una notevole presenza – a volte solo d’immagine, a volte più attiva – di realtà aziendali, sociali, istituzionali e politiche del mondo reale (comprese numerose istituzioni educative), ma anche numerose realtà nate in rete (in particolare nel campo della creazione e della vendita di artefatti, e della gestione di locali d’incontro e di intrattenimento). Second Life ha i suoi giornali, le sue radio, le sue televisioni, ospita proiezioni di film, concerti e performance musicali, musei, e una quantità di centri e istituzioni virtuali ospitano incontri e convegni di ogni genere (il sistema consente la diffusione, sotto forma di streaming in tempo reale o di registrazione, di audio e video all’interno degli ambienti virtuali).

Gli utenti registrati di Second Life erano, nel gennaio 2009, poco più di 16 milioni, ma il dato comprende anche avatar creati e mai utilizzati, utenti inattivi, doppie utenze; la quota di utenti attivi – pur se significativa – è dunque assai più bassa: a inizio 2009, le statistiche del sito indicano una media di circa 540.000 utenti realmente attivi (ovvero connessi nell’arco di una settimana), e una media di circa 41.000 utenti collegati in ogni dato momento.

Queste cifre, per quanto rilevanti, sono ancora lontane dal garantire a Second Life la diffusione e la redditività economica necessarie ad assicurarne un maggiore sviluppo; bastano tuttavia a farne l’esperienza più significativa in un settore – quello degli ambienti virtuali condivisi – che potrebbe avere estremo rilievo per la rete del futuro, ma che ha anche conosciuto insuccessi e arretramenti: ad esempio, Google, che nell’estate 2008 si era lanciata nella sperimentazione dell’ambiente virtuale Lively (http://www.lively.com/), dopo solo sei mesi la ha abbandonata, pur trattandosi di una piattaforma per molti versi meno ambiziosa ma anche assai più semplice da usare di Second Life.


3      Possibile fisico e possibile geometrico

Nell’indagare le forme dell’immaginario architettonico e urbanistico  di Second Life, la prima considerazione da tener presente riguarda la gestione dello spazio. Nel mondo reale, ogni forma di creatività architettonica deve innanzitutto fare i conti con le leggi della fisica. Le caratteristiche dei materiali di costruzione e una serie di altri vincoli rilevanti (a partire dal più rilevante di tutti, la legge di gravità) limitano il campo di ciò che può essere effettivamente realizzato. Il “possibile architettonico” è strettamente legato al “possibile fisico” e l’effettiva realizzabilità di progetti architettonicamente possibili è poi ulteriormente condizionata da altri fattori (costi, vincoli urbanistici, paesaggistici, e così via).

Anche il mondo di Second Life ha i propri vincoli, ma si tratta di vincoli in molti casi assai diversi da quelli del mondo reale: in primo luogo, numero di PRIM a disposizione e competenze nel particolare linguaggio (LSL: Linden Scripting Language) utilizzato per il loro assemblaggio. I limiti posti dalle leggi fisiche possono invece essere in molti casi ignorati, se l’utente desidera farlo5: diventano così realizzabili edifici “impossibili” per il mondo reale: piramidi rovesciate, costruzioni sospese, e simili. Potremmo dire che, laddove l’architettura del mondo reale è limitata dal possibile fisico, quella di Second Life è limitata quasi esclusivamente dal possibile geometrico; nel mondo virtuale, l’architetto manipola geometrie piuttosto che oggetti fisici.

Lavorare con i PRIM in Second Life: centralità del possibile geometrico
Fig. 3 – Lavorare con i PRIM in Second Life: centralità del possibile geometrico

Naturalmente, il fatto che alcune leggi fisiche possano essere ignorate o violate non significa che sia necessario farlo: molti edifici di Second Life sono costruiti imitando o rivisitando canoni architettonici familiari. Ma, come vedremo, è possibile anche un’immaginazione architettonica assai più libera e meno convenzionale: un passaggio bene espresso in un intervento dell’architetto DB Bailey, che osserva come in una prima fase di esplorazione delle possibilità del mondo virtuale egli si sia concentrato sul «trying to recreate RL [Real Life] in SL [Second Life]. Then I thought no, this is not taking advantage of the unique potential. So I started exploring what I could do if I ignored things like gravity»6.


4      Dal mondo reale al pastiche: una architettura senza urbanistica?

Si è detto che il primo e per molti versi principale modello di riferimento per analizzare l’immaginario architettonico e urbano di Second Life è comunque quello rappresentato dal mondo reale. E il più semplice meccanismo utilizzato in quest’ambito è quello della duplicazione, della copia.

Troviamo così edifici, e in alcuni casi anche porzioni di città, replicati in maniera più o meno felice (ma con l’obiettivo della maggiore fedeltà possibile) all’interno dell’ambiente simulato. Le arterie principali di Berlino7, il palazzo del Louvre di Parigi (il “Second Louvre” è una copia abbastanza fedele di quello reale, ma ospita arte creata da residenti di Second Life, comprese numerose sculture realizzate utilizzando PRIM. Cfr. 1.2.8.7), la centrale nucleare di Chernobyl (la ricostruzione, concepita come un memoriale e per scopo di studio, è stata cancellata nel marzo 2008, ma in rete ne esistono ancora numerose immagini8), il palazzo reale di Versailles (realizzato dalla Ecole Nationale Supérieure d’Architecture de Versailles, ospita un gioco di ruolo ambientato nella Francia del 17809), o, per restare in Italia, una ricostruzione piuttosto ampia e fedele di una porzione  del centro storico di Mantova, che si estende per ben due SIM10, una replica di piazza di Spagna a Roma11, una ricostruzione di alcuni palazzi del Palladio promossa dalla Provincia di Vicenza12  e la straordinaria ricostruzione della Basilica di Assisi, al cui interno sono visibili – tra l’altro - gli affreschi giotteschi13 (vedi 1.2.8.10.5).

La duplicazione del mondo reale può avere motivazioni e scopi diversi: dal puro gioco di imitazione, con l’obiettivo di mostrare la propria abilità nel ricostruire a partire dai PRIM una replica quasi perfetta della realtà (una motivazione analoga a quella che spinge a realizzare molte fra le più complesse “costruzioni” di Lego), a scopi illustrativi o didattici, dalla funzione promozionale (non sono poche le aziende o istituzioni che scelgono di proporre su Second Life una copia il più possibile realistica della propria sede fisica) al desiderio di realizzare ambienti adatti a giochi di ruolo o simulazioni.

Berlino su Second Life: la Kaufhaus des Westens
Fig. 4 - Berlino su Second Life: la Kaufhaus des Westens

Se la ricerca di fedeltà porta talvolta a risultati sorprendentemente realistici, la contestualizzazione spaziale di queste “porzioni di mondo reale” trasportate in Second Life tende ad essere minima: la ricostruzione di una strada o di un edificio può avvicinarsi moltissimo al modello reale, ma il lotto o la regione confinanti saranno spesso ispirati a una immaginazione architettonica completamente diversa: accanto a un angolo di Berlino potranno così trovarsi una piramide egizia, una base spaziale, un anfiteatro romano o una serie di villette a schiera in stile New England, mentre la piazza di Spagna di Second Life conserva la storica scalinata, ma – come del resto molte altre ricostruzioni realizzate su “isole” dell’arcipelago – si affaccia sul mare.

Per sua natura, Second Life tende ad essere il regno del pastiche, in cui l’architettura può procedere in maniera del tutto indipendente dall’urbanistica, e la gestione degli spazi è spesso basata su criteri funzionali totalmente “altri” rispetto al mondo reale (in un mondo in cui gli utenti possono teletrasportarsi con semplicità e immediatamente da un posto all’altro, non c’è alcuna necessità, ad esempio, di avere una banca all’angolo di casa).

Second Life: architettura senza urbanistica? Un esempio di pastiche urbano
Fig. 5 - Second Life: architettura senza urbanistica? Un esempio di pastiche urbano

Il tentativo di limitare la portata di questo problema – che non riguarda evidentemente solo l’aspetto architettonico e “visivo” di un ambiente ma anche il suo impiego funzionale e la sua composizione sociale – è uno dei fattori che favoriscono la nascita di comunità legate a interessi e/o a modelli sociali condivisi, con l’obiettivo di permettere almeno su scala locale quella coerenza di scelte che non è possibile su scala più ampia. Anche per questo motivo, la condivisione di interessi e valori da parte di una comunità di utenti si estende spesso alle scelte architettoniche, attraverso l’adozione di stili e convenzioni visive simili. Un processo che può essere implicito, ma che può anche essere esplicitato attraverso l’adozione da parte della comunità di norme specifiche relative al tipo di costruzioni edificabili all’interno del proprio territorio e alla gestione degli spazi. in questi casi sono spesso anche previsti servizi (negozi, edifici pubblici, chiese) “in stile” con il resto dell’ambiente. Viene in tal modo ricostruito un tessuto urbano a sua volta più fedele al modello rappresentato dal mondo reale, o a una particolare visione di come il mondo reale dovrebbe essere, quella condivisa dai membri della comunità.

Per questa via, l’architettura del mondo virtuale viene ricondotta nell’alveo di una progettazione urbanistica più o meno esplicita e consapevole. Ma si tratta di un processo che – come si è accennato – riesce ad aver successo solo su scala locale: basta allontanarsi di una o due regioni, per tornare al regno dell’accostamento improbabile, della confusione di epoche e di stili: da questo punto di vista, Second Life si propone, più che come un singolo mondo virtuale, come lo spazio in cui mondi virtuali e immaginari visivi diversi collassano, si intrecciano e si confondono.


5      L’immaginario storico e letterario

La situazione, peraltro, è ulteriormente complicata dal fatto che il mondo reale non costituisce certo l’unico modello utilizzato come riferimento dagli utenti di Second Life. Ci sono almeno due “variazioni sul tema” che vanno subito considerate: la progettazione di ambienti ispirati all’immaginario storico e quella di ambienti ispirati all’immaginario letterario. E – come vedremo – le due prospettive tendono spesso a convergere.

In entrambi i casi, gli esempi possibili sono innumerevoli. Fra le aree di Second Life ispirate a periodi o avvenimenti storici, ad esempio, non si può non ricordare l’impressionante lavoro di Aura Lily sull’antico Egitto, con ricostruzioni virtuali dettagliatissime dei templi dell’isola di Philae, basate sulle immagini della Description de l’Égypte14. Ma si potrebbero fare molti altri esempi interessanti. Talvolta, l’obiettivo è quello di una ricostruzione storica fedele e documentata di edifici o località di particolare rilievo – come avviene ad esempio nel caso della ricostruzione della “city of Gilgamesh”, promossa dalla Federation of American Scientists15. Più spesso, però, prevale un immaginario storico fortemente influenzato da modelli letterari o cinematografici; è il caso, ad esempio, della popolarità su Second Life del periodo vittoriano, e in generale di un Ottocento più o meno rivisitato, o di un medioevo ricco di improbabili castelli merlati, di giostre e di cavalieri (non mancano comunità che ricostruiscono i più famosi ordini cavallereschi, come quello dei Templari, anche per la popolarità in Second Life del gioco di ruolo “Crusaders”16), ai quali si aggiungono non di rado temi legati alla fantasy medievaleggiante, come draghi e dragonieri. Nella macroregione di Second Life dedicata ai teen-ager (Teen Second Life), un festival medievale svoltosi nel maggio 2008 era significativamente presentato con l’esortazione «travel back in time to the days of princesses and dragons»17: un viaggio che evidentemente, più che indietro nel tempo, è indirizzato verso i mondi possibili concepiti dalla letteratura fantasy.

Il carattere fortemente sociale della simulazione contribuisce a dare spesso a queste ricostruzioni, condotte sul filo dell’immaginario storico, un carattere utopico o – assai più raramente – distopico: il passato che si ricostruisce è contemporaneamente un “presente” all’interno dell’ambiente virtuale e le interazioni sociali che vi si svolgono sono influenzate dalla connotazione, di norma positiva, che gli utenti attribuiscono alle particolari caratteristiche del periodo storico che essi stessi hanno voluto ricostruire. Un esempio di particolare interesse è al riguardo la Confederation of Democratic Simulators <http://slcds.info/>, che amministra le regioni di Neufreiestadt (una città modellata su un borgo medievale bavarese) e Colonia Nova (che fa invece riferimento al periodo romano, ricostruendo una colonia imperiale romana nell’Europa centrale). La “Costituzione” della Confederazione e l’insieme delle leggi approvate dalla sua assemblea legislativa propongono infatti un curioso modello di autogoverno che unisce istituzioni rappresentative e istituzioni proprie dei periodi ricostruiti.

Come si sarà capito, la letteratura e il cinema forniscono un altro inesauribile serbatoio di idee e suggestioni per la costruzione di ambienti e regioni di Second Life. Non mancano così né il castello di Hogwards18 né il villaggio di Pemberley19; il progetto “Literature ALive” <http://literaturealive.wikispaces.com/> ha realizzato fra l’altro – come attività educativa condotta all’interno di classi di studenti – ambienti ispirati alla letteratura gotica, all’Antologia di Spoon River, all’inferno di Dante20, e si è già accennato alla fortuna su Second Life dell’immaginario fantastico e fantascientifico (di particolare interesse, anche architettonico e visivo, gli ambienti legati alla fantascienza steampunk, in cui si immagina una età vittoriana alternativa e scientificamente più progredita, popolata dalle macchine di Verne e dagli elaboratori meccanici di Babbage21). E sarebbe facile fare moltissimi altri esempi. D’altro canto, la ricostruzione di ambienti e spazi ispirati a opere, autori o personaggi letterari non è l’unica forma di incontro fra Second Life e la letteratura: non mancano ambienti dedicati a scrittori o aspiranti scrittori e a lettori e circoli di lettura.


6      La sperimentazione, dall’architettura alla pura geometria

Ricostruzione della realtà e progettazione basata sull’immaginario storico e letterario fanno comunque di norma riferimento – in maniera più o meno forte – a un “canone” visivo e architettonico al quale l’utente-autore deve conformarsi. La situazione cambia quando l’obiettivo non è ricostruire un ambiente esistente, o esistito, o comunque descritto in un’opera letteraria o cinematografica, ma progettarne uno totalmente nuovo.

L’uso di una creatività visiva e architettonica completamente svincolata da modelli preesistenti, o libera di reinterpretare tali modelli in maniera del tutto libera e originale, costituisce un ulteriore, possibile paradigma per la progettazione di spazi su Second Life.

Anche in questo caso, gli esempi non mancano. Al loro interno, possiamo distinguere due polarità. Da un lato c’è la forza di attrazione del “possibile architettonico”: si costruiscono spazi ed edifici che potrebbero essere in linea di principio realizzati anche nel mondo reale, e il mondo virtuale si trasforma così in una palestra di sperimentazione, con l’obiettivo di esplorare la resa visiva e spaziale di idee architettoniche che potrebbe essere interessante realizzare concretamente. L’esempio più chiaro e interessante è probabilmente quello rappresentato da molti edifici dell’isola dell’architettura (Architecture Island), una regione di Second Life popolata per lo più da architetti e studi architettonici, e nella quale sono presenti sia ricostruzioni delle realizzazioni di famosi architetti, per lo più contemporanei (da Fallingwater di Frank Lloyd Wright22 a Villa Tugenhdat di Mies van der Rohe23), sia un gran numero di progettazioni originali24.

L’attività di progettazione originale è spesso opera di singoli residenti con un interesse specifico per l’architettura, ma il carattere sociale di Second Life e la familiarità che molti residenti hanno con altri strumenti di collaborazione on-line (dai blog alle piattaforme Wiki, dai forum ai siti di social network) rendono possibile un lavoro di vera e propria progettazione collaborativa a distanza: Jon Brouchoud  e Ryan Schultz (rispettivamente Keystone Brouchard e Theory Shaw in Second Life) hanno esplicitamente teorizzato una forma di “collaborative architecture” all’interno dei mondi virtuali, come strumento in grado di permettere ottimi risultati anche nella progettazione di edifici e strutture destinati al mondo reale. Al progetto di una architettura collaborativa basata sull’uso di Second Life e di altri ambienti virtuali collaborano numerosi architetti (fra cui l’italiano Simone Riccardi, Turboy Runo in Second Life); il gruppo è fra i promotori di Studio Wikitecture <http://studiowikitecture.wordpress.com/>, un vero e proprio studio architettonico in rete, e fa riferimento, fra l’altro, all’Open Architecture Network <http://www.openarchitecturenetwork.org/>, che promuove la condivisone aperta e libera di idee e progetti architettonici in conformità con i principi del movimento open source.

Ma l’architettura creativa su Second life non è solo “professionale”: edifici, spazi e progetti interessanti sono opera anche di moltissimi appassionati. Per rendersene conto, basti ad esempio visitare anche rapidamente le regioni di Second Life dedicate all’immaginario fantascientifico, o gli spazi  ispirati a forme di “bioarchitettura”, in cui progettazione architettonica e costruzione di un ambiente ricco e originale dal punto di vista biologico e naturalistico si uniscono a produrre progetti architettonici altamente biocompatibili, ma anche strani ibridi fra piante e abitazioni.

In questi casi, l’interesse per la progettazione “realistica” di ambienti cede sovente il passo a una fantasia assai meno legata a vincoli di realizzabilità concreta: dal “possibile architettonico” si passa al  campo più ampio del “possibile fisico” (edifici e ambienti che non violano leggi della fisica, ma che non potrebbero comunque essere realisticamente costruiti nel mondo reale), o a quello ancor più ampio del “possibile geometrico”. Gli spazi e gli ambienti realizzati conservano a volte una progettazione funzionale, ma violano in maniera evidente le leggi fisiche: edifici enormi sorretti da un sottile filo verticale, soffitti sospesi nel vuoto, scalinate prive di destinazione e di supporti. Il limite estremo di questa tendenza è la pura suggestione visiva e geometrica: incastri di forme e colori in apparenza privi di funzioni diverse da quella puramente estetica, in cui l’edificio si trasforma in una sorta di curiosa “scultura geometrica”.

Dall’architettura alla pura geometria: assemblaggio di oggetti geometrici in Second Life
Fig. 6 - Dall’architettura alla pura geometria: assemblaggio di oggetti geometrici in Second Life


6      Conclusioni

La rapida rassegna che ci ha portato dalla riproduzione fedele di porzioni del mondo reale alla progettazione di ambienti impossibili e apparentemente non funzionali può fornire un primo indizio dell’estrema ricchezza dell’immaginario spaziale ed architettonico di Second Life. Un ambiente virtuale che, come si è accennato, non offre in realtà la rappresentazione di un mondo possibile unitario e coerente, ma piuttosto frammenti e suggestioni relativi a una pluralità di mondi possibili diversi.

È probabile che nei prossimi anni, con lo sviluppo di quello che – ancora una volta con riferimento all’immaginazione letteraria, e in particolare al bel romanzo Snow Crash di Neal Stephenson25 – è stato efficacemente battezzato “metaverso”, la situazione possa cambiare: la prospettiva per molti versi più interessante è quella di un insieme di ambienti virtuali che condividano gli stessi protocolli e gli stessi standard di funzionamento, e risultino quindi in certo modo interconnessi, con la possibilità per un avatar di spostarsi dall’uno all’altro, ma che offrano mondi “specializzati” e coerenti, estendendo la tendenza alla creazione di comunità tematiche e di interesse che abbiamo già riconosciuto in Second Life. La creazione di tali ambienti porrebbe probabilmente in primo piano la ricordata esigenza del passaggio dalla pura immaginazione architettonica a una pianificazione urbanistica più regolata. Le comunità tematiche di Second Life potrebbero dunque rappresentare la prima manifestazione di una tendenza destinata a rafforzarsi nel tempo: una ragione in più per studiarne con attenzione le caratteristiche.


1 Questo lavoro costituisce una versione lievemente accorciata e rielaborata del mio intervento al convegno “La forma del testo e l’immaginario della metropoli”, svoltosi nell’ottobre 2007 preso l’Università della Tuscia di Viterbo; la versione originale è pubblicata negli atti del convegno ed è disponibile all’interno dell’Open Archive dell’Università della Tuscia, <http://dspace.unitus.it>. Sono grato a Pierluigi Feliciati e a Fabio Metitieri per suggerimenti e osservazioni sulla prima stesura.

2 Il termine avatar è derivato dalla religione induista: nell’induismo, un avatar è un dio che scende nel mondo umano, sotto forma di persona, per la durata di una vita. A differenza di quanto avviene nel caso del concetto cristiano di “incarnazione”, il concetto induista di avatar non richiede che il dio fatto persona sia soggetto alle sofferenze umane; inoltre, uno stesso dio può avere nello stesso momento più avatar “parziali” (amshas). In campo informatico, il termine avatar è stato utilizzato prima in alcuni giochi di ruolo, e si è progressivamente esteso a caratterizzare l’alter ego grafico che rappresenta un utente in ambienti di rete bidimensionali e, soprattutto, tridimensionali. In questi casi, all’utente è spesso chiesto di scegliere caratteristiche e aspetto fisico del personaggio che lo rappresenterà, e che sarà visibile agli altri utenti collegati. Cfr. al riguardo Fabio Ciotti - Gino Roncaglia, Il mondo digitale, Roma-Bari: Laterza, 2000, p. 220.

3 Per un’introduzione complessiva e “operativa” a Second Life si veda M. Banzato - D. Corcione, Second Life. La grande guida, Bologna: CLUEB 2008. Per una storia di Second Life e una discussione dei suoi presupposti teorici si veda W.J. Au, The Making of Second Life, New York: HarperCollins, 2008. Considerazioni interessanti ai fini delle tematiche discusse in questo intervento sono anche in M. Gerosa, Second Life, Roma: Meltemi 2007, mentre una buona discussione di Second Life dal punto di vista del mondo bibliotecario è in: Fabio Metitieri, Una seconda vita anche per le biblioteche? Second life, un fenomeno in espansione con cui misurarsi, «Biblioteche oggi», 25 (2007), n. 4, p. 11-21, <http://www.bibliotecheoggi.it/2007/ 20070401101.pdf>.

4 L’economia dei mondi virtuali come Second Life costituisce un argomento affascinante, che ha suscitato recentemente un notevole interesse da parte della comunità accademica, a partire dal lavoro pionieristico di Ed Castrovova, il cui contributo del 2001 Virtual Worlds: A First-Hand Account of Market and Society on the Cyberian Frontier, in: The Gruter Institute Working Papers on Law, Economics, and Evolutionary Biology: Vol. 2: Article 1, <http://www.bepress.com/giwp/default/vol2/iss1/art1)>, dedicato all’economia del gioco on-line Everquest, è uno degli articoli di economia più citati in assoluto in rete.

5 Wagner James Au usa a questo proposito l’espressione Bebop reality: «a universe in which the fundamental laws of physics and identity are open to constant improvisation by its inhabitants, who instantly modify and embellish it to a positive effects without breaking the world’s underlying structure»: W.J. Au, The making of Second Life cit., p. xviii.

6 Citato in T. Carfagno, Architect DB Bailey ignores gravity and early critics, intervento in rete sul sito SLNN, December 20, 2007, <http://www.slnn.com/article/db-bailey/>.

7 Il sito web di riferimento è <http://berlinin3d.com/>.

8 Cfr. <http://www.slprofiles.com/secondlifeblog.asp?a=comments&id=15972>.

9 Cfr. <http://www.secondlifeonline.org/2008/02/04/chateau-de-versailles/>.

10 Il sito web di riferimento è <http://www.mn3d.org/wp/>.

11 Per qualche immagine, si veda <http://warmwinternights.folha.eu/roma-piazza-di-spagna/ 2007/12/09/>.

12 Cfr. <http://www.provincia.vicenza.it/altro/secondlife/comunicato.php>.

13 Cfr. <http://www.secundavita.com/>.

14 Per qualche immagine e il link alla regione di Second Life che ospita le realizzazioni di Aura Lily, cfr. <http://www.flickr.com/photos/pathfinderlinden/199857832/>.

15 Si veda al riguardo Dan Bracewell, City of Gilgamesh. The Education and Construction Philosophies behind the Sims, relazione alla conferenza Stepping Into History: Exploring the Past through Virtual Worlds, svolta in Second Life il 10 giugno 2008; il testo è disponibile in rete all’indirizzo <http://www.learningtimes.net/conferences/stepping/cityofgilgamesh.pdf>. Per maggiori informazioni sulla conferenza (significativamente seguita nell’agosto 2008 da una analoga iniziativa sul tema Stepping into literature), si veda il sito <http://www.steppingintohistory.org/>.

16 Cfr. ad esempio <http://secondlife-crusaders.blogspot.com> e per alcune immagini <http://picasaweb.google.it/rod.auer.sl>.

17 Cfr. <http://www.tscpl.org/teens/comments/teen_second_life_gets_medieval/>.

18 La regione “Hogwards reborn” ospita non solo una ricostruzione del castello di Hogwards e di numerosi altri luoghi legati al ciclo di Harry Potter, ma anche un popolare gioco di ruolo basato anch’esso sulle opere di J.K. Rowlings. Il sito di riferimento è <http://www.slhogwartsreborn.com/>. Al mondo di Harry Potter, peraltro, sono dedicati anche diversi altri ambienti su Second Life.

19 Cfr. <http://primperfectblog.wordpress.com/2007/09/25/the-villages-at-pemberley/>.

20 Il progetto presenta in parallelo l’Inferno dantesco e il romanzo Linden Hills di Gloria Naylor; per alcune informazioni essenziali al riguardo si veda <http://slambling.blogspot. com/2007/07/als-inferno.html>.

21 Si vedano ad esempio le comunità di New Babbage <http://newbabbage.ning.com/> e di Caledon <http://www.caledonwiki.com/>.

22 Per una recensione si veda <http://lotja-loon.blogspot.com/2008/08/fallingwater-just-great.html>.

23 Una navigazione in video è disponibile all’indirizzo <http://mefeedia.com/entry/villa-tugendhat-in-second-life-bohemia-czechoslovakia/9748162/>.

24 Per notizie e immagini sull’attività nella Architecture Island, e in generale sulla progettazione architettonica in Second Life e in altri ambienti virtuali, tre buoni siti di riferimento sono i blog The Arch: <http://archsl.wordpress.com/>, Virtual Suburbia (http://www.virtualsuburbia.com/) e la community Architecture in Second Life ospitata dalla piattaforma di social network Ning: <http://slarchitecture.ning.com/>.

25Neal Stephenson, Snow Crash, London 1992. Il romanzo è ambientato a Los Angeles, in un futuro in cui le reti informatiche si sono evolute nel metaverse, una simulazione popolata da avatar di utenti e da agenti software, e organizzata in complesse comunità tematiche (un ruolo centrale ha nel romanzo quella dedicata alla cultura sumera, che offre a Stephenson l’occasione per una complessa speculazione sulla mitologia babilonese e sull’origine del linguaggio).


cover of  handbook

 

About

Structure

Interoperability

Quality, accessibility, usability

Best Practices