minerva homepage



 

 


 

MINERVA project newsletter

Aprile 2008, n. 18
a cura della Redazione di Minerva

Questo è il diciottesimo numero della Newsletter di MINERVA. Ti ringraziamo fin d'ora per l'attenzione che vorrai prestarci. Potrai inviarci eventuali suggerimenti scrivendo all'indirizzo di posta elettronica minerva1@beniculturali.it.

Se non desideri ricevere più la newsletter di MINERVA, cancellati qui.


MINERVA homepage

News

Eventi


News

Censimento delle risorse digitali 3D

Il gruppo italiano Minerva EC “Standard per il 3D” sta lavorando alla definizione di standard e linee guida per la progettazione, realizzazione, documentazione, pubblicazione e comunicazione di materiale multimediale tridimensionale.

Nell’ambito di tale attività, MINERVA lancerà a partire dal mese di maggio una campagna di censimento delle realizzazioni 3D in Italia.

Informazioni sulla campagna e il modulo di censimento saranno pubblicati sul sito di MINERVA nei prossimi giorni.


Eventi

  • 17-18 aprile 2008
    EVA Florence
    Firenze, P.zza Adua, 1
    Ingresso gratuito

    http://www.evaflorence.it/home.php

    • 17 aprile 2008, h.14

      MINERVA EC per un 3D di qualità
      Workhop in English language

      Chair: Giuliana De Francesco (Ministero per i beni e le attività culturali)

      Giuliana De Francesco (Ministero per i beni e le attività culturali) – Maria Teresa Natale (Progetto MINERVA EC)
      MINERVA EC: linee guida per un 3D di qualità

      Presentazione degli obiettivi e delle attività del gruppo di lavoro italiano di MINERVA EC sulle rappresentazioni digitali tridimensionali degli oggetti e delle scene di interesse culturale

      Anna Conticello (Ministero per i beni e le attività culturali)
      3D e realtà virtuale: work in progress del manuale MINERVA

      Andrea D'Andrea, (CISA, Centro interdipartimentale di servizio di archeologia, Università di Napoli “l’Orientale” )
      Esempi di applicazione di laser scanner ai beni archeologici

      L’intervento esamina le fasi tecnico-operative che hanno caratterizzato la  realizzazione di alcuni modelli tridimensionali relativi a contesti di scavo, indagini di tipo territoriale o urbano. Si tratta di applicazioni che abbracciano un vasto settore di intervento: dalle esplorazioni stratigrafiche, alla ricostruzione di superfici, dalle architetture ai monumenti archeologici complessi. Il Laser Scanner 3D, sebbene richieda una alta curva di apprendimento, si configura come una tecnologia che sarà adoperata in un prossimo futuro in modo sempre più ampio nel processo di documentazione e di studio dei contesti archeologici.

      Leila Nista (Istituto centrale per il catalogo e la documentazione) - Paolo Ongaro (Gruppo Meta)
      Il rendering 3d in tempo reale nell’archeologia

      Il rendering 3d in tempo reale: come può essere utilizzato per supportare le attività di studio e divulgazione degli archeologi. L'intervento presenterà due case studies: Il Teatro romano di Venafro e “Navigare in età romana da Portus Pisanus all'isola d'Elba”. Attraverso queste buone pratiche si evidenzierà l'utilità delle tecniche di virtualizzazione 3D per gli archeologi, che interagendo con i modelli di edifici e del territorio, possono aggiungere una nuova dimensione al proprio lavoro e possono presentare i risultati dell’attività svolte in maniera efficace e completa.

      Pietro Galifi (Altair4 multimedia)
      La ricostruzione tridimensionale come strumento di valutazione nello scavo archeologico

      La simulazione tridimensionale come strumento per la visualizzazione di ricostruzioni archeologiche è una prassi, ormai consolidata, ma questa metodologia resta spesso confinata all’utilizzo del modello tridimensionale come dispositivo di rappresentazione di una elaborazione cognitiva compiuta. L’utilizzo della simulazione tridimensionale e di nuovi ambiti professionali in fase di scavo apre nuove prospettive nello sviluppo di metodologie atte a migliorare gli strumenti di valutazione e elaborazione dei dati interdisciplinari prodotti da una ricerca archeologica.

      Paolo Cignoni (CNR-ISTI)
      3D Scanning e Rapid Prototyping, tecnologie digitali per la riproduzione nei beni culturali

      L'intervento presenterà una breve panoramica sulle varie tecnologie esistenti per la riproduzione fisica di manufatti storico/artistici, tramite metodologie digitali di acquisizione e prototipizzazione rapida. In particolare si discuteranno limiti e pregi di queste tecnologie in termini di precisione e completezza della rappresentazione, in termini di accuratezza e accettabilità dell'aspetto della riproduzione fisica.

      Francesca Uccheddu (Università di Firenze)
      Tecniche di protezione dei diritti di proprietà intellettuale: DRM e 3D watermarking

      Il progresso degli ultimi anni delle tecnologie 3D, ha portato con sé una crescente esigenza di tutelarne i diritti d’autore a causa di più fattori tra cui il fatto che la distribuzione di copie anche in modo non autorizzato risulta difficilmente controllabile. Un sistema DRM (Digital Rights Management) si può vedere come un insieme di servizi, connessi tramite una rete, che cooperano per la protezione dei diritti intellettuali, sulla base di termini e condizioni di comune accordo tra leparti coinvolte, e per controllarne la diffusione e l’utilizzo. Le tecniche di 3D watermarking vanno a costituire parte del DRM stesso.

    • --------------------------------------------------------------------------------

    • 18 aprile 2008, h.14,40

      Access to Cultural Information. MICHAEL Project based on MINERVA results
      Workhop in English language

      Chair: Rossella Caffo (Ministero per i beni e le attività culturali)

      The MICHAEL project (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe), and its enlargement MICHAELplus, is creating a European online service. The MICHAEL service enables a wide range of users to search, browse and enjoy the European digital cultural heritage from a single multilingual access point. Its comprehensive, cross-domain catalogue of European digital cultural and scientific collections represents the collections registry for Europeana, the European Digital Library.

      The MICHAEL European service is based upon the automatic harvesting of data from a network of national repositories, which are individually accessible through national websites.

      MICHAEL is a deployment project funded by the EC eTEN programme and is based on the results of the MINERVA project in the field of interoperability and inventories of digital cultural content. MINERVA activities are continuing through the current MINERVAeC project.

      Speakers include:

      • Rossella Caffo (Ministero per i beni e le attività culturali, Italy) and Christophe Dessaux (Ministère de la culture et de la communication, France): "MINERVA and MICHAEL fostering access to digital cultural and scientific heritage: the prospects for the future"

      • Monika Hagedorn-Saupe (Institut für Museumsforschung. Stiftung Preussischer Kulturbesitz, Germany) and Maria Teresa Natale (MINERVA project, Italy): "Users and uses: MINERVAeC study, MICHAEL experience"

      • Kate Fernie (Museums, Libraries and Archive Council, UK) and Giuliana De Francesco (Ministero per i beni e le attività culturali, Italy): "MICHAEL service"

Segreteria Progetto MinervaEC
Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea
Via M. Caetani, 32
00186 Roma, Italy
Tel. 06 68281767, fax 06 68281770
minerva1@beniculturali.it

 

Copyright Progetto Minerva 2008-04, ultima revisione 2008-04-15, a cura della Redazione di Minerva.